La scorsa settimana si è svolto il Marketing Business Summit, l’evento – giunto al 2° anno di vita – organizzato dagli storici colleghi e amici Marco Maltraversi e Valentina Turchetti. La coppia, che si completa come l’Inbound Marketing con SEO e Social oppure gli Avengers con Bruce Banner e Natasha Romanoff, ha tirato su un signor appuntamento che, trasferito da Bologna a Milano, ha avuto la sua consacrazione finanche internazionale, con ospiti del calibro di Barry Adams e Debra Mastaler, per citarne solo due.

Ho avuto il privilegio e l’onore di essere invitato anche a questa seconda edizione come speaker, tipo Ant-Man che lo chiamano a fare a botte con gente del calibro di Tony Stark, e stavolta sono stato presente alla tavola rotonda finale del primo giorno, dove insieme ai colleghi Riccardo Mares (il mitico Merlinox sempre più in forma), Claudio Marchetti e Domenico Puzone abbiamo analizzato i portali di alcuni dei presenti in sala, per un talk molto interattivo e dal tasso alcolico interessante – dato la sponsorizzazione dell’evento della birra Poretti.

Il Marketing Business Summit, al quale hanno partecipato oltre 500 persone, è stato molto proficuo e persino “sorprendente” dal punto di vista del networking, com’è d’uopo negli eventi di questo calibro in una cornice come quella milanese. Ma andiamo punto per punto.

Cosa ho imparato da Marketing Business Summit 2017

  • È sempre una esperienza divertente e fracassona come una Civil War portare agli eventi gli adorabili sghilli usciti fuori dal Master in Web Communication dove insegno (si, quelli della foto in apertura).
  • Federico è davvero il miglior Capitano delle Truppe che si possa avere.
  • Il già citato Merlinox è un totem di sapienza.
  • Gaetano Romeo, oltre a essere un grande imprenditore, è un animale da palcoscenico.
  • La professione del traduttore in simultanea è davvero dura, specie quando ti capita di affrontare una materia che ti è nuova (ha ragione l’amico Marco Micheli, che poi si può e si deve comprendere in lingua originale è fondamentale).
  • In eventi così grandi, scambiare quattro chiacchiere con il professionista che segue uno dei portali editoriali analizzati nel tuo talk; e scoprire poi che è il marito di una tua compagna di scuola, è un’esperienza da mettere in conto e che fa piacevolmente sorridere!

Oh, non vedo l’ora che arrivi la terza edizione!